Nuovo Radar

L’ultima indagine epidemiologica (fonte A.D.E.R.) condotta a Potenza Picena ha registrato un numero record di tumori, ictus, infarti, ischemie, convulsioni senza febbre e nascite di bambini con patologie congenite con un’incidenza decine di volte superiore alla media nazionale.

Nel nostro paese non sono presenti inceneritori, raffinerie o industrie chimiche, ma è presente una invisibile calamità che procura dolore e sofferenze alla nostra gente.

Ogni 10 secondi, ognuno di noi viene inconsapevolmente irradiato da un impulso elettromagnetico di elevatissima potenza, quello generato dalle microonde pulsate del radar, le più pericolose per l’uomo.

L’organizzazione mondiale della sanità nel 2011 ha classificato i campi elettromagnetici come cancerogeni umani di classe 2B ed il Parlamento Europeo con la Risoluzione 1815 ha raccomandato di intraprendere azioni per prevenire i rischi per la salute e l’ambiente.

Autorevoli ricercatori hanno già espresso profonda preoccupazione per gli effetti biologici e sanitari a cui la popolazione del nostro comune è stata fino ad oggi sottoposta.

Nonostante ciò è in corso la sostituzione dell’attuale radar RAT31-SL con il nuovo RAT31-DL.

Inoltre sono state autorizzate nuove installazioni di antenne per la telefonia mobile sia a Potenza Picena che a Porto Potenza e alcune zone del centro sono già state coperte dalla wi-max.

— Interroghiamoci se vogliamo tutto questo —

È nostro diritto e dovere essere informati su questa tecnologia la cui pericolosità è tenuta nascosta solo per interessi economici.

Non lasciamo che siano altri a decidere sulla salute dei nostri figli.

La cooperazione dei cittadini è fondamentale.

Contatta Città Prestata per conoscere le nostre iniziative ed offrire il tuo aiuto.

PDF Icon Scarica e diffondi volantino radar in pdf

Taggato con: , ,
0 comments on “Nuovo Radar
1 Pings/Trackbacks per "Nuovo Radar"
  1. […] Per approfondimenti leggi l’articolo e consulta i collgementi su http://www.cittaprestata.it Condividi:Like this:Mi piaceBe the first to like this. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*